News

Come comportarsi in caso di stanchezza

Come comportarsi in caso di stanchezza

01 Agosto 2017

Durante alcune stagioni dell'anno, può capitare di sentirsi più stanchi del solito e l'unica cosa che si desidera è riposare. Sicuramente, vi sarà capitato di avvertire questa spiacevole sensazione e il più delle volte, non saper dare una valida spiegazione e non capire come affrontarla. Quando compare questo disturbo, la maggior parte delle persone si pongono una sola domanda. Che cosa ho fatto di così faticoso per sentirmi senza forze? Vi rispondiamo subito dicendovi, che sentirsi stanchi può non dipendere solo da intensi sforzi fisici o mentali. Infatti, le cause che possono essere associate a questo tipo di stanchezza, spesso derivano da un abbassamento delle difese immunitarie, da virus presenti nell'aria, dallo stress, da ritmi di vita eccessivamente frenetici e anche da un'alimentazione poco sana.

Dovete sapere, che questo tipo di stanchezza si può trattare consumando alcuni alimenti, che aiutano l'organismo a ritrovare il benessere e la giusta quantità di energia.

Il magnesio, è un minerale presente in diversi alimenti e aiuta a combattere la stanchezza fisica e mentale. Si trova nelle verdure dalle foglie verdi, nella frutta secca, nei legumi, nella frutta come le pere, le arance, il kiwi e le banane, nei funghi e nel cioccolato extra fondente.

Il ginseng, grazie alle sue proprietà benefiche, riduce questo tipo di problema. Quando vi sentite stanchi, provate a consumare qualche pezzetto di radice fresca di ginseng e noterete, sorprendenti miglioramenti al vostro senso di affaticamento.

Questi sono alimenti, che vi permettono di affrontare la stanchezza, ma è inutile ricordarvi che se il malessere continua è meglio rivolgersi ad un esperto.

Dormire poco fa ingrassare, la ricerca scientifica spiega perché

Dormire poco fa ingrassare, la ricerca scientifica spiega perché

31 Luglio 2017

La mancanza di sonno è controproducente per chi desidera mantenere la linea, è questo il parere degli esperti del King's College di Londra, che si sono dedicati alla revisione dei dati di diversi studi già pubblicati in passato.

La ricerca britannica, pubblicata sull'European Journal of Clinical Nutrition, ha stabilito che per una sola notte trascorsa dormendo meno del solito, il giorno dopo si tende a mangiare di più.

I ricercatori hanno chiesto ad un gruppo di volontari di dormire per alcuni giorni senza limiti di tempo; successivamente, agli stessi volontari è stato richiesto di limitare le ore di sonno. Confrontando le calorie consumate nel corso delle due fasi, si è scoperto che alla perdita delle ore di sonno, è corrisposto un immediato aumento del consumo di cibo di circa 385 calorie.

Il motivo è semplice, ed era stato già messo in evidenza da studi precedenti: lo squilibrio nel rapporto sonno/veglia porta ad uno sbilanciamento ormonale che ha come conseguenza la diminuzione del senso di sazietà e l’aumento dell’appetito.

Per di più, la carenza di sonno può stimolare proprio il desiderio di cibi grassi e ipercalorici.

La stagione estiva e le verruche

La stagione estiva e le verruche

30 Luglio 2017

La stagione bella e calda è accompagnata dal piacere delle vacanze, ma anche da scomodi nemici, che sono sempre pronti a disturbare i nostri momenti di relax. Durante l'estate proteggere la pelle è fondamentale e risulta indispensabile, utilizzare la protezione solare adatta alle proprie esigenze e le proprie necessità. Questo prodotto va scelto in base al proprio tipo di pelle, perché se questa è estremamente delicata e sensibile, sarà indicato utilizzare una protezione 50+, se la pelle è chiara, ma non particolarmente delicata è migliore la 30+ e per quelle persone, che non sono soggette a scottature, va bene anche la 15+ o anche una protezione minore, ma in ogni caso dovete prendervi cura della salute della vostra pelle.

Diciamoci la verità, il sole non è l'unico nemico della stagione estiva, perché con lei arrivano anche le verruche, uno spiacevole problema "estivo".

Le verruche sono infezioni della pelle, che compaiono con maggior facilità nelle zone calde e umide del corpo, sono di diversa forma e sono provocate da un virus, che fa parte della famiglia dell'HPV. Si presentano causando dei rigonfiamenti sulla pelle e si dividono in verruche comuni, piane, plantari, a mosaico, filiformi e a volte, possono comparire nelle zone genitali per trasmissione sessuale e si chiamano condilomi acuminati. Il contagio delle verruche avviene tramite il contatto e in base alla predisposizione genetica, che varia da persona a persona, possono comparire e crescere sulla pelle anche dopo svariate settimane.

Per curare questo fastidio esistono, diversi farmaci e terapie mirate a risolverlo. Non esitate a chiederci consiglio, vi sapremo indicare la soluzione migliore.

Cosmesi, quando un rossetto può salvarti la vita

Cosmesi, quando un rossetto può salvarti la vita

29 Luglio 2017

Secondo i dati diffusi da Cosmetica Italia (Associazione nazionale imprese cosmetiche), partner di Cosmofarma Exhibition 2016, i prodotti cosmetici più venduti nel 2015 sono stati i rossetti (+10,8%) e le matite per le labbra (+14,2%).

E’ importante avere cura delle proprie labbra, perché sono una zona molto sensibile e delicata del corpo umano, soggetta a patologie gravi come gli epiteliomi basocellulari e quelli spinocellulari, due gravi forme di tumore della pelle.

Il dermatologo Leonardo Celleno, presidente dell’Associazione italiana dermatologia e cosmetologia, ha rilasciato un’intervista all'Adnkronos Salute per spiegare l’importanza del rossetto come protezione per le labbra e quali prodotti è meglio acquistare

"Non compriamo prodotti non italiani o senza marchio CE”, ha dichiarato Celleno, “magari sulle bancarelle o in negozi non indicati. Questo espone a rischi concreti per la salute, che nel caso dei rossetti sono ancora maggiori: sono prodotti da applicare sulla bocca, dove una possibile contaminazione batterica può dare fenomeni anche gravi. Ed esiste anche il pericolo di ingestione di metalli pesanti, che nei prodotti contraffatti non è rara".

Sconsigliati anche i rossetti troppo economici: “la filiera del cosmetico”, precisa il presidente dell’Aideco, “è lunga e costosa e pensiamo che oggi il rossetto non serve solo a dare colore e vivacità al make up, ma deve anche proteggere le labbra, idratarle, migliorarne la fisiologia cutanea”.

Un buon rossetto, a differenza dei prodotti contraffatti,è in grado di proteggere le labbra dai raggi ultravioletti e prevenire lo sviluppo di tumori maligni che pur non essendo mortali, possono arrivare a rovinare la vita.

Impacco alla menta per i capelli danneggiati dal sole

Impacco alla menta per i capelli danneggiati dal sole

28 Luglio 2017

L'estate è l'amica della nostra abbronzatura e, purtroppo è la nemica dei nostri capelli. Infatti, durante la stagione calda, molti agenti esterni come l'acqua salata, la sabbia e il cloro, tendono a danneggiarli. Per contrastare questo problema, in questo nuovo articolo dedicato alla salute dei capelli, vi spiegheremo come preparare un impacco alla menta, per proteggere e rivitalizzare la vostra chioma.

Impacco alla menta per i capelli danneggiati

Per la preparazione vi occorrono i seguenti ingredienti:

500 ml di acqua

10 foglie di menta fresca o essiccate

1 foglia di rucola

1 cucchiaino di aceto di mele

Dovete mettere la quantità di acqua in un tegame e aggiungere, tutte le dosi degli ingredienti indicati e portare ad ebollizione a fuoco lento. In seguito, togliete dal fuoco, filtrate con un passino da cucina e lasciate riposare il composto in un recipiente, fino a quando l'acqua non raggiunge, una piacevole temperatura tiepida. A questo punto, non vi resta che pettinare i capelli con un pettine dai denti larghi, sciogliendo la formazione di eventuali nodi e mettendovi in una posizione comoda, versate tutto il contenuto sulla cute, le punte e le lunghezza, lasciando in posa per 30 minuti.
Quando i minuti sono trascorsi, sciacquate con acqua tiepida e procedete alla normale detersione dei capelli con i vostri prodotti preferiti.

Se proteggete i vostri capelli dal sole correttamente, non subiranno danni.

Il make up perfetto per la stagione estiva

Il make up perfetto per la stagione estiva

27 Luglio 2017

Durante la stagione estiva, nessuno vi vieta di truccarvi, ma con il forte caldo e la pelle abbronzata, il consiglio è di scegliere un tipo di make up, che sia naturale, leggero e che metta in risalto la tintarella, senza soffocare l'epidermide. Alle donne piace truccarsi e allo stesso modo, non resistono alla voglia di valorizzare la loro bellezza e, purtroppo spesso commettono qualche piccolo errore. In questo nuovo articolo dedicato al make up estivo, vi diamo qualche consiglio per evitare l'effetto "maschera".

Consigli per un make up estivo perfetto

1 Prima di tutto, quando le temperature sono eccessivamente calde e la pelle è abbronzata, bisogna scegliere un make fresco e leggero. Non servono prodotti coprenti e troppo oleosi, perché l'epidermide ha la necessità di respirare. Scegliete quelli che svolgono un'azione idratante e che abbiano una texture impalpabile e delicata.

2 Un'altra cosa importante è preferire i prodotti, che garantiscano una buona protezione solare, perché proteggono la pelle dall'invecchiamento, dalle macchie e dai rossori. In più, regalano una pelle luminosa e sana.

3 Se durante la stagione calda, non resistete ad utilizzare il vostro fondotinta, cercate di preferire quello in polvere minerale, perché permette alla pelle di respirare, non soffoca i pori e non è eccessivamente coprente.

4 Scegliete i colori in base al grado della vostra abbronzatura. Il marrone, il nocciola e il dorato per evidenziare gli occhi. Invece, per definire i zigomi sono consigliati blush, fard e terre di tonalità luminose tra il fucsia e il corallo.

Mettete un pò di mascara e un pò di lip gloss sulle labbra e siete pronte, per sfoggiare un make up perfetto!

Centrifugato per accelerare e intensificare l´abbronzatura

Centrifugato per accelerare e intensificare l´abbronzatura

26 Luglio 2017

Se volete accelerare e intensificare l'abbronzatura, abbiamo la risposta perfetta per questo vostro desiderio e si chiama semplicemente, centrifugato di bellezza abbronzante. Gli ingredienti, che vi occorrono per realizzare questa "bevanda" sono le albicocche, il melone giallo e le susine. Dovete sapere, che le albicocche possiedono un grande potere abbronzante, perché sono ricche di vitamina A e stimolano l'organismo a produrre la melatonina. Il melone giallo è povero di calorie e contiene molta acqua, influisce accelerando l'abbronzatura e mantiene la pelle idratata. Inoltre, la buona presenza della vitamina A e il Beta-Carotene, influiscono accelerando e intensificando la tintarella. Le susine, grazie alle loro proprietà antiossidanti, proteggono la pelle dai raggi solari e contrastano l'invecchiamento cutaneo. A questo punto, non ci resta che preparare il nostro "centrifugato solare".

Centrifugato abbronzante

6 albicocche

3 susine

1 fetta di melone giallo

Dovete lavare con cura i frutti, eliminare la buccia e tagliarli in piccoli pezzettini. Con l'aiuto della centrifuga, procedete centrifugando e quando il composto appare abbastanza cremoso, versate tutto in un bicchiere. Non c'è bisogno di aggiungere lo zucchero, perché il vostro drink, sarà dolce e gustoso al punto giusto. Quando consumarlo? Quando volete, prima o dopo l'esposizione ai raggi solari.

Abbronzatevi con gusto!

La crioterapia per tonificare il corpo

La crioterapia per tonificare il corpo

24 Luglio 2017

In qualche modo le donne e gli uomini, cercano sempre di migliore il proprio aspetto fisico e l'ossessione più comune è quella di avere, un corpo tonico e snello. Dovete sapere, che esiste una particolare tecnica, che si chiama crioterapia, che vi aiuta a tonificare il corpo e perdere peso.

La crioterapia è una tecnica, che utilizza la potenza del ghiaccio e permette di ottenere buoni risultati, per quanto riguarda la tonificazione del corpo e la perdita di peso. Questa terapia prevede l'applicazione del ghiaccio, nelle zone del corpo, che si vogliono migliorare e in più, garantisce al nostro organismo innumerevoli benefici e sono:

tonificare i tessuti

depurare l'organismo

stimolare la circolazione, ma deve essere associata ai trattamenti scrub

facilitare la perdita del peso corporeo

contrastare la cellulite

mantenere la pelle del viso e del corpo giovane e tonica

attenuare le occhiaie e le rughe

ridurre e rassodare l'addome e la pancia

Le crioterapia, si può fare in casa, ma come si prepara? Molto, molto semplice, dovete usare i classici cubetti di ghiaccio quelli, che generalmente tenete nel vostro congelatore nell'apposito contenitore. Versateli in una busta di plastica di piccole dimensioni e avvolgetela in un sottile panno di cotone. A questo punto, potete utilizzarla e applicarla nelle zone del corpo o del viso che volete tonificare, lasciando in posa per 2 o 3 minuti e poi, massaggiare delicatamente per un minuto. Potete ripetere questo trattamento tonificante tutti i giorni, ma senza mai superare i 3 minuti di posa e ricordando di associare un pò di movimento fisico e un'alimentazione corretta.

Non sempre il freddo è un nemico!

Un rapido sollievo, in caso di eritema solare

Un rapido sollievo, in caso di eritema solare

23 Luglio 2017

Più volte vi abbiamo ripetuto e sottolineato, dell'importanza di esporsi ai raggi solari con le dovute precauzioni. Infatti, esporsi al sole in modo sbagliato provoca diversi problemi e la pelle può subire danni, quindi è soggetta ad invecchiare con maggior facilità, possono comparire macchie, rughe, lentiggini, eritemi solari e fastidi molto più gravi. Nello specifico parliamo, di eritema solare, una scottatura o un ustione che si può manifestare sulla pelle del viso o del corpo e viene causata, dall'eccessiva esposizione ai raggi solari, in mancanza della giusta o insufficiente protezione solare.

L'eritema solare provoca un arrossamento della pelle, bruciore, prurito, bolle d'acqua e secchezza cutanea. Vediamo in questa nuova guida estiva, come intervenire in maniera naturale ed efficace su questo problema.

Eritema solare - impacco con lo yogurt e la farina d'avena -

Vi occorrono

50 ml di yogurt bianco naturale
1 cucchiaio di farina d'avena

In una ciotola, mettete la quantità di yogurt e la farina d'avena, mescolate con un cucchiaio e lasciate riposare per 10 minuti. In seguito, applicate questa crema naturale, sulla zona dove compare l'eritema solare e dopo 15 minuti, sciacquate delicatamente, utilizzando un panno soffice. Questo impacco, vi garantirà un immediato sollievo a questo problema.

Inutile ricordarvi, che se il sintomo persiste o peggiora, il consiglio è quello di rivolgervi chiedendo il parere al vostro farmacista o al vostro medico.

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.
I cookie sono piccoli file di testo che possono essere utilizzati dai siti web per rendere più efficiente l'esperienza per l'utente.

La legge afferma che possiamo memorizzare i cookie sul tuo dispositivo se sono strettamente necessari per il funzionamento di questo sito. Per tutti gli altri tipi di cookie ci serve il tuo permesso.

Questo sito utilizza diversi tipi di cookie. Alcuni cookie sono posti da servizi di terzi che compaiono sulle nostre pagine.

I cookie necessari aiutano a contribuire a rendere fruibile un sito web abilitando le funzioni di base come la navigazione della pagina e l'accesso alle aree protette del sito. Il sito web non può funzionare correttamente senza questi cookie.
I cookie per le preferenze consentono a un sito web di ricordare le informazioni che influenzano il modo in cui il sito si comporta o si presenta, come la lingua preferita o la regione che ti trovi
I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.
I cookie per il marketing vengono utilizzati per monitorare i visitatori nei siti web. L'intento è quello di visualizzare annunci pertinenti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi quelli di maggior valore per gli editori e gli inserzionisti terzi.
I cookie non classificati sono i cookie che sono in fase di classificazione, insieme ai fornitori di cookie individuali.